Piccoli appunti Autobiografici

Posted on maggio 11, 2013

0


Piccoli appunti Autobiografici
Ciao,oggi la metto cosi,diciamo che sono appunti personali in pubblico.
È incredibile come la musica che compongo alla fine,risulti essere bella veloce e come invece paradossalmente,io sia sempre passato per una persona cosi calma,quasi da far innervosire ..
Ecco,prendo spunto da questa constazione per affrontare il tema della Velocità e della lentezza e cosi superficialmente stabilire quale sia delle due la più veramente funzionale a vivere bene.
Credo ci siano due funzioni base del cervello umano cosi conosciuto che si possa affermare che sia per tutti cosi,tranne che per eventuali eccezioni.
Imparare una Poesia a memoria,non è cosa difficile,la cosa difficile poi è recitarla,spesso la poesia c’è nella memoria di chi l’ha imparata ma determinati altri fattori,come il pubblico,la timidezza,il semplice impaccio,possono creare la difficoltà reale nell’ambiente Poesie :),in ogni caso,quando si impara una Poesia a memoria,essa appunto si va a depositare in un angolo preciso delle funzioni della mente.funzioni della mente che non interaggiscono con il chi si è durante il proprio vissuto,voglio dire,si possono imparare mille poesie a memoria ma essere cmq una persona che non sa vivere la poesia della vita.
La scuola in generale, da moltissimo tempo che ha preferito cmq questo tipo di apprendimento,a scuola si impara tutto a memoria,cioè si immagazina tutto in quel angolo della mente che non verrà mai usato nella vita reale,a scuola infatti i più bravi,sono coloro che sanno ripetere a pappagallo la lezione che hanno cioè delle grandi doti di attori,sono bravi nel recitare una parte senza preoccuparsi del pubblico ma anzi esserne eccitati.
Quello che sto denunciando qui è la constazione che poi un individuo impara a funzionare cosi.
Se un qualcuno adesso si ritrova come si ritrova,dovrebbe riflettere su queste cose,la vita è semplice e veloce,vivendo con la superficialità intrinseca di chi si impara una poesia a memoria.
Voglio dire,in questa Civiltà è sempre più evidente come sia richiesto un tipo di essere Umano che non si faccia domande e sopra a tutto che non esprima dubbi che è quello che praticamente viene richiesto a scuola e sopra a tutto con le Poesie,le poesie non si discutono,non si mettono in dubbio,sono poesie e cosi vanno imparate.
C’è chi come me invece,ha speso una vita dietro alla Poesia della Vita,senza mai essersi imparato una Poesia a memoria e vi assicuro che ci vuole una pazienza,una LENTEZZA per seguire la Poesia della Vita che diventa proprio un altro stile di vita.
Si può dunque vivere veloci più del consentito ma se ne pagano le conseguenze,perche si diventa poi come Bandiere al Vento,senza possibilità di indirizzarsi.
Si può vivere oggi senza costruirsi mattone su mattone,si può essere anche senza conoscersi e magari si vive anche bene ma le conseguenze sono queste,cosi come nel Paese dei Balocchi, i Bambini si trasformavano in Asini,cosi vivendo ci si traforma in delle Banderuole !!!!!!!
Nella Vita credo che non sia importante quanti passi si compiano ma il non fare quello sbagliato.
Ciaooo !

Annunci